La Tenuta Garetto,ubicata nel comune di Agliano, prende origine agli albori del secolo scorso quando si presentò la necessità di rinnovare i vigneti debellati dal flagello della fillossera. Si trattò della sostituzione completa dei vecchi impianti. La zona di Agliano rientrava già allora (nei primi decenni del Regno d’Italia) nel cosiddetto “triangolo d’oro della Barbera d’Asti” tra il Tanaro ed il Belbo (comprendente i comuni di Montegrosso, Costigliole, Agliano, Castelnuovo Calcea, Vinchio e paesi limitrofi sino a Nizza a Sud ed Asti a Nord) in cui la coltivazione della medesima era pressoché in purezza; infatti in altre zone era pratica usuale alternare nei filari altri vitigni.

Naturalmente allora la produzione di uva e di conseguenza del vino era destinata al mercato locale, in particolar modo alle osterie, ed all’autoconsumo. Con il trascorrere del tempo e il ricambio generazionale il vino prodotto veniva commercializzato non solo sulla piazza locale, ma incominciava ad essere gradito, perciò venduto, anche su mercati “lontani”( Torino, Milano, Genova, ecc.).

Parallelamente incominciavano a venire prodotte, negli anni ’50-’60, le prime bottiglie dal nonno e dal papà dell’attuale titolare. Il vino Barbera incominciava a cambiare immagine, da semplice bevanda adatta alla mescita nelle sole osterie a “qualcosa in più”. Ovviamente tutto questo era accompagnato dal progressivo aumento della superficie vitata dell’azienda, per poter gestire meglio la qualità del prodotto finale. Con l’avvento dell’attuale generazione, impersonata nella figura di Alessandro Garetto, la produzione viticolo-enologica subisce un’ulteriore sterzata verso il concetto di qualità tendente ad ottimizzare tutta la potenzialità del vitigno Barbera.

Tenuta Garetto - S.S. Asti-Mare, 30 - 14041 Agliano Terme (AT)
Tel. 329 3595713 - e-mail: tenutagaretto@garetto.it